Attenzione, per poter visualizzare quest'animazione devi aver scaricato l'ultima versione del lettore Flash Player, disponibile gratuitamente sul sito www.adobe.com

Impianti di depurazione

Le pulitrici a doppio bancale utilizzate per la Lucidatura dell'alluminio sono collegate ciascuna ad un sistema di aspirazione e abbattimento delle polveri prodotte dal processo di Lucidatura stesso.

Sistema di aspirazione e abbattimento polveri provenienti dal processo di Lucidatura

  • Le pulitrici a doppio bancale utilizzate per la Lucidatura dell'alluminio sono collegate ciascuna ad un sistema di aspirazione e abbattimento delle polveri prodotte dal processo di Lucidatura stesso.
  • Sistema di aspirazione e abbattimento polveri
    Aspirazione e abbattimento polveri

Sistema di aspirazione e abbattimento fumi per il processo di Brillantatura

  • L'impianto prevede una cappa chiusa di aspirazione posta sopra la vasca di Brillantatura da cui i fumi vengono convogliati tramite un tubo collettore attraverso una prima torre di abbattimento che lava e neutralizza i fumi acidi.

    Da questa torre, come ulteriore misura di sicurezza, l´aspiratore generale provvede ad inviare i fumi in una seconda torre, al fine di garantire un totale abbattimento prima dell´emissione in atmosfera.

    I fumi, prima di essere emessi in atmosfera tramite un camino, passano attraverso appositi separatori di gocce. Le torri di abbattimento, in caso di malfunzionamento di una delle due, possono funzionare singolarmente garantendo comunque un completo abbattimento delle emissioni.
  • Sistema di aspirazione fumi da Brillantatura
    Sistema di aspirazione fumi da Brillantatura

    Sistema di aspirazione fumi da Brillantatura
    Sistema di aspirazione fumi da Brillantatura

Sistema di aspirazione dei fumi contenenti inquinanti alcalini e acidi

  • a progettazione dell´impianto di aspirazione è stata finalizzata al mantenimento delle concentrazioni degli inquinanti nei locali e in atmosfera ben al di sotto dei limiti di legge ed è presente su tutte le vasche che producono fumi.
    I fumi aspirati dalle singole cappe vengono convogliati ad un collettore aereo posto lungo la linea vasche. La tubazione arriva poi ad un collettore rettangolare su cui è collegata una coppia di aspiratori. I fumi acidi e alcalini, convogliati nel medesimo collettore, si neutralizzano a vicenda prima di essere inviati agli aspiratori e, quindi, in atmosfera.
    Un´ulteriore cappa viene installata sul carroponte che opera sulle vasche di satinatura per l´aspirazione dei fumi durante il trasporto del materiale da una vasca all´altra. I fumi vengono convogliati mediante un tubo ed una valvola al collettore d´aspirazione.
  • Torre di aspirazione fumi alcalini e acidi
    Torre di aspirazione fumi alcalini e acidi

Sistema di raccolta delle acque di scarico

  • I reflui derivanti dall´attività di risciacquo durante il processo di lavorazione vengono convogliati presso l'impianto di depurazione e qui, tramite il principio della flocculazione, depurati.







    L'intero processo di depurazione viene costantemente monitorato e corretto in modo automatico.
  • impianto di depurazione
    L'impianto di depurazione

    quadro di controllo
    Il quadro di controllo

Sistema di recupero acque "scarico zero"

  • Il reparto di Brillantatura Chimica è provvisto anche di un Evaporatore / Concentratore a due stadi in grado di realizzare un sistema a circuito chiuso.

    Tale processo di evaporazione permette lo «scarico zero» nell´ambiente ed anche l´eventuale recupero di sali e delle materie prime in esso contenute.
    Le acque trattate sono i lavaggi di Brillantatura e la soluzione depatinante.
  • evaporatore/concentratore
    L'evaporatore/concentratore

Gruppo elettrogeno di continuità

  • Sistema funzionante a mezzo gasolio che garantisce, in caso di mancata erogazione dell'energia elettrica da parte dell'ente erogatore, il funzionamento delle torri di aspirazione e abbattimento fumi derivanti dal processo di Brillantatura e delle torri di aspirazione dei fumi alcalini e acidi.
  • gruppo elettrogeno di continuità
    Il gruppo elettrogeno di continuità